Marco Massarutto svela tantissime novità sul futuro di Assetto Corsa

Marco Massarutto ha rilasciato una nuova intervista esclusiva ai ragazzi di DrivingItalia svelando tantissime novità, sia belle che brutte, sul futuro di Assetto Corsa. Di seguito riporto solo i punti più interessanti della “chiacchierata” ma potete leggere l’intervista completa cliccando sul link esterno in fondo all’articolo.

Marco Massarutto intervista

Sappiamo che AC probabilmente verrà rilasciato anche per le nuove console next-gen. La simulazione pura resterà sempre in primo piano?

I puristi dovrebbero essere felicissimi, se un’opportunità del genere dovesse realizzarsi. Partiamo da un presupposto: Assetto Corsa per PC è già una realtà. Quindi, qualsiasi cosa faremo in futuro, non andrà a minare la simulazione che è già stata prodotta e la cui release 1.0 è in dirittura di arrivo. Detto questo: immaginate cosa significherebbe poter utilizzare una simulazione come Assetto Corsa senza doversi preoccupare di driver, incompatibilità e tutti i problemi che fisiologicamente il mondo PC porta con sé, per via del numero infinito di combinazioni hardware disponibili e di problematiche che questo genera. Pensa alla possibilità di accendere la console, il volante, lanciare Assetto Corsa su PS4, vederlo sfruttare al massimo le caratteristiche dell’hardware, e via a guidare. Da un punto di vista di realismo, un Assetto Corsa su console non potrebbe essere diverso dalla controparte PC: arrivando dopo, sarebbe preceduto dalla reputazione che si sta costruendo di simulazione di riferimento: non avrebbe senso per un utente console acquistarlo e poi trovarsi davanti un simul-arcade. Inoltre, penso che ormai non dovrebbero esserci dubbi su quelli che sono i nostri orientamenti: la nostra azienda si chiama Kunos “SIMULAZIONI”, abbiamo alle spalle soltanto titoli simulativi e l’ultimo si sta affermando come simulazione racing di riferimento. Cos’altro dovrebbe essere pertanto Assetto Corsa su console, se non “La” simulazione?

I vostri lavori precedenti come NetKar Pro e Ferrari Virtual Academy vi hanno aiutato nello sviluppo di Assetto Corsa?

Da un punto di vista logistico, fornendo parte delle risorse necessarie a produrre Assetto Corsa. Da quello dello sviluppo, fornendo il know-how appreso partendo da netKar PRO e dalle successive esperienze nel motorsport. Con netKar PRO e FVA sono arrivate una serie di richieste tecniche da parte di aziende che desideravano sfruttare quei software a fini professionali, industriali o promozionali. Abbiamo raccolto quelle esigenze, creando un nuovo engine che fosse in grado fin da subito di soddisfarle, anziché adattarlo in un secondo momento. Ovviamente con FVA abbiamo approfondito la nostra conoscenza ed esperienza e abbiamo approcciato per la prima volta tecnologie per noi nuove come il Laserscan, che poi è stato adottato per le piste realizzate per AC. Quindi, sebbene Assetto Corsa non condivida una riga di codice con netKar e FVA, senza queste produzioni, probabilmente non esisterebbe affatto.

Cosa, della release attuale di AC, vi soddisfa pienamente e su quale comparto del software lavorerete invece in modo particolare adesso per perfezionarlo ulteriormente?

Direi che per il modello dinamico siamo molto soddisfatti del livello generale, e quindi gli sviluppi futuri riguarderanno principalmente trazione integrale e alcune geometrie di sospensioni non ancora implementate, relative ad auto aggiuntive a cui stiamo lavorando. Sul fronte grafico siamo soddisfatti e prevediamo di realizzare un fine-tuning in termini di bilanciamento degli effetti e performance. FMOD per il comparto audio ha dato qualche problema inatteso perché la libreria è meno matura di quanto ci aspettassimo, ma una volta consolidata l’implementazione, ci sarà un fine-tuning degli effetti e l’aggiunta di altri che ora sono spenti per questioni di compatibilità e stabilità. Il netcode, rispetto alla prima release è stato totalmente riscritto e ora è molto stabile. L’obiettivo sul medio e lungo periodo è di lavorare su funzionalità aggiuntive per renderlo più accessibile ad un pubblico meno specializzato, e per dare agli appassionati qualche strumento in più per report di gara e altre funzionalità. Anche sull’AI continueremo a lavorare per migliorarne l’efficacia nelle situazioni critiche. Uno dei segreti del successo di AC è che non ci soddisfa mai pienamente, e che lavoriamo ogni giorno per continuare a migliorarlo. Pensate alla technology preview, che rappresentava all’inizio del 2013 la migliore espressione di quello che stavamo facendo in quel periodo, e guardate Assetto Corsa oggi, in termini complessivi. Ricerca e sviluppo, volendo e potendo, non si esaurirebbero mai. Quando ami quello che fai, c’è un inizio ma non ci sarebbe mai una fine. Pensate a GT5, che a distanza di 3 anni continuava ad essere aggiornato e migliorato. Un’utopia, nel mondo console: eppure Yamauchi è un appassionato vero, che cerca di dare il massimo in quello che fa.

Quando uscirà la release 1.0 definitiva?

Per la release date, siamo un pò lunghi in quanto almeno una delle auto previste nel Dreampack ha la trazione integrale, che stiamo ancora implementando, inoltre un paio di nostri collaboratori vivono in Ucraina e la guerra civile ha creato e sta creando loro molti problemi, quindi abbiamo dovuto rivedere i nostri piani e ora stiamo recuperando il ritardo. In ogni caso, se non dovesse essere Dicembre, sarà Gennaio.

Quali sorprese ci aspettano al livello di licenze?

Le sorprese: se le svelassi non sarebbero più tali, e sicuramente ce ne saranno. Di quelle già note, confermo che tra AUDI, Alfa Romeo, BMW, Mercedes, Toyota, Nissan, General Motors, Ford, Abarth, nel 2015 arriveranno, tra Dream Pack, aggiornamenti e pack aggiuntivi, oltre 30 nuovi modelli di auto. Anche per i circuiti ci saranno delle novità sulle quali sono al lavoro in questi giorni.

A breve tempo di distanza, sono già uscite moltissime mod per il vostro prodotto. Siete soddisfatti?

Esterrefatti direi. Ci pensavo ieri mentre ero in auto, tornando dall’ufficio: ho come la sensazione che il modding assorbirà Assetto Corsa come la vegetazione farebbe con una casa nel bosco. Comincio seriamente a pensare che grazie al modding, Assetto Corsa diventerà un fenomeno virale come Minecraft, che non si esaurisce mai. In più, mettere i nostri tool di sviluppo a disposizione dei modder ci ha dato la possibilità di scoprire e verificare sul campo le capacità di ottimi modellatori. Riceviamo regolarmente curriculum di grafici 3D con portfolio molto interessanti, ma in passato, a volte il passaggio tra un modello hi-poly a uno realtime non ha portato ai risultati sperati. Oggi abbiamo la possibilità, per le produzioni future, di ingaggiare dei modellatori che dimostrano, risultati alla mano, di poter fare un lavoro eccellente. Dopo l’esperienza con Mec0, che ha realizzato la Cobra 427, ora anche gli UnitedRacingDesign collaborano con noi e stanno producendo 3 delle vetture che saranno disponibili nel DreamPack.

Moltissimi fan chiedono a voce alta di aggiungere nel simulatore la notte e le condizioni meteo variabili. Cosa puoi dirci?

KUNOS Simulazioni è riuscita, con risorse e capacità operative di un quinto, o di un decimo, inferiori ai suoi competitor a realizzare un prodotto solido, convincente e che sta avendo successo: NON andremo proprio adesso in direzioni che possono rappresentare un passo falso da un punto di vista strategico, logistico e commerciale, solo per accontentare i desideri – legittimi- di un numero molto limitato di persone. Su questo argomento, mi sono confrontato con altri sviluppatori di giochi di guida, che mi hanno confermato, statistiche alla mano, che condizioni di buio o bagnato rappresentano EFFETTIVAMENTE una percentuale estremamente esigua sul totale delle ore di gioco. Ma è qualcosa che “non puoi dire” senza che si scateni l’ira delle community più hardcore.

Con Assetto Corsa abbiamo avuto il coraggio di continuare a investire sulla Simulazione. Con successo. E, considerando che l’orientamento del genere racing sta tornando pesantemente arcade con Driveclub e The Crew, non mi sembra poco. Ma siamo un’azienda che deve rispondere alle richieste del mercato. Notte e meteo variabile interessano (inteso come “verrebbero effettivamente utilizzati da”) un numero molto esiguo di persone, che tuttavia non fanno che chiedere questo. Il che dà la sensazione che tutti non vogliano altro. Non è così, fidatevi. In ogni caso, una delle domande più frequenti relative ad AC è “come ci siete riusciti?!”. E una delle risposte è, grazie ad un uso estremamente mirato delle risorse. Risorse, significa tempo, persone e denaro. Assetto Corsa è un prodotto estremamente mirato a soddisfare specifiche richieste. Ci sono i contenuti che i giocatori chiedono, e ci sono i contenuti che poi EFFETTIVAMENTE utilizzano. Sono QUESTI i contenuti che spingono una persona ad acquistare un prodotto. Per quanto l’argomento “acquisto” sia tabù, è un fatto che senza soldi, non puoi fare nulla.
Lasciatemi condividere con voi un messaggio ricevuto da un fan su FB:

non spendete soldi in altre auto o piste in laser scan è piu importante la fusione del motore o la bellezza simulativa meteo con relativa safety car

Questa è la filosofia che ci guidò nel concept e realizzazione di netKar PRO. Con risultati disastrosi. Non abbiamo intenzione di tornare a fare gli stessi errori. In conclusione, il nostro orientamento attuale è che in futuro potrebbero esserci piani per introdurre le condizioni meteo variabili, tecnicamente possibili ma che tuttavia al momento non sono confermate come certe. Dubito invece che introdurremo le condizioni di guida in notturna in Assetto Corsa.

Puoi darci un’anticipazione esplosiva per i nostri fan?

Ma sì: tempo fa abbiamo rivelato che abbiamo acquisito la licenza Alfa Romeo per cinque modelli, ma non li avevamo svelati tutti. Mentre, relativamente alla licenza Ford non abbiamo ancora fatto trapelare nulla, ad eccezione della nuova Mustang 2015. In anteprima assoluta, sappiate che oltre alla Mito Quadrifoglio Verde, la quinta Alfa Romeo sarà la Daytona Type 33/2, mentre per la Ford riprodurremo la GT40, nella mitica versione storica e in versione moderna GT3, oltre ad un’altra auto molto amata che sveleremo in futuro. Può bastare?

Intervista completa

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *